Logo Casa Treviso Logo Rete Italia



14/03/2021
ZONA ROSSA E DL DRAGHI NATALE

VENETO ZONA ROSSA: cosa cambia dal lunedì 15 marzo  per i cittadini e le attività produttive.

 La curva epidemiologica in rapida salita porta la maggior parte delle Regioni in fascia arancione e rossa.  La circolazione del Covid-19, agevolata dalle varianti, fa salire l’indice di contagio Rt oltre la soglia critica e le ordinanze del ministro della Salute Roberto Speranza fanno entrare nelle due fasce più alte di rischio quasi tutto il Paese. Il governo vara oggi il decreto che inasprirà le misure e blinderà anche la Pasqua con divieti che saranno validi dal 15 marzo fino al 6 aprile.

VENETO ZONA ROSSA: cosa cambia dal lunedì 15 marzo  per i cittadini e le attività produttive.

Zona ROSSA

Quali sono le regole e i divieti della zona rossa?

Confermato l’obbligo, di avere sempre con sé dispositivi di protezione delle vie respiratorie e di indossarli nei luoghi al chiuso diversi dalle prorie abitazioni private e in tutti i luoghi all’aperto. Restano salvi i protocolli e le linee guida anti-contagio previsti per le attività economiche, produttive, amministrative e sociali, nonché le linee guida per il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici o aperti al pubblico.

Coprifuoco

Coprifuoco per i cittadini dalle ore 22 alle ore 5 del mattino

Spostamenti

Divieto di spostamento dalle 22 alle 5. Sempre consentiti il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione e gli spostamenti motivati da esigenze lavorative, ragioni di salute o situazioni di necessità.

Nelle zone rosse è vietato ogni spostamento, anche all’interno dello stesso comune. Consentiti solo quelli per esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. Non sono consentite né visite né incontri con gli amici. Sono consentiti gli spostamenti al di fuori del proprio comune per andare a fare la spesa, ma solamente nel caso in cui siano dovuti a motivazioni economiche, legate a un maggiore risparmio. 

Serve l'autocertificazione?

Sì sempre

Negozi, ristoranti e bar

In zona rossa le attività dei servizi di ristorazione (bar, pasticcerie, ristoranti) sono sospese. Consentiti l'asporto (senza consumazione sul posto) e la consegna a domicilio per le attività di ristorazione fino alle 22. Resta il divieto di asporto per le attività dei bar (codice ATECO 56.3) dopo le 18, come per gli altri esercizi commerciali della stessa tipologia.  (BAR E ALTRI ESERCIZI SIMILI SENZA CUCINA)

In zona rossa le attività commerciali al dettaglio sono sospese, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità individuate nell'Allegato 23 e 24 (vedi allegato) del Dpcm. Chiusi i mercati. Chiuse le attività di acconciatura ed estetica.

Sport

Sono ammesse le passeggiate e lo sport ma solo vicino all’abitazione.  Consentita l’attività motoria, sempre vicino alla propria abitazione e in forma individuale, rispettando la distanza di un metro e indossando la mascherina.

Scuola

Nelle zone rosse   è prevista la sospensione dell’attività didattica in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado, comprese scuole dell’infanzia, elementari e medie. Resta garantita la possibilità di svolgere attività in presenza per gli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali.

Nuovo Decreto Legge Draghi: a Pasqua Italia in zona rossa dal 3 al 5 aprile

Pasqua blindata

Pasqua sarà blindata come lo è stato Natale. La bozza prevede che dal 3 al 5 aprile tutta Italia sarà in zona rossa (3, 4 e 5 aprile), compresi quindi i giorni di Pasqua e Pasquetta. Dalla zona rossa nazionale saranno esentate le regioni che in quel momento si troveranno in zona bianca.

E proroga dello stop agli spostamenti tra regioni almeno fino al 6 aprile.

Regioni gialle in arancione

Dal 15 marzo al 2 aprile (e nella giornata del 6 aprile) le regioni gialle vengono portate in arancione. Per quanto riguarda le visite a parenti e amici, fino al 2 aprile (e nella giornata del 6 aprile) nelle regioni che diventeranno arancioni sarà consenito, in ambito comunale, lo spostamento verso una sola abitazione privata, una sola volta al giorno, con gli stessi limiti già previsti dalle attuali norme. Questo spostamento non è consentito verso territori che si trovano in zona rossa.

FAQ 

Di che colore saremo a Pasqua?

Per il periodo pasquale, da sabato 3 aprile a lunedì 5 aprile, l’Italia sarà tutta in zona rossa, con regole più stringenti da rispettare. In tutte le regioni - tranne in quelle in fascia bianca - si applicano le misure da zona rossa. Unica deroga in queste tre giornate, rispetto alle regole delle zone rosse, sarà la possibilità di effettuare uno spostamento all’interno della regione, una sola volta al giorno, per raggiungere una sola abitazione di amici o parenti, dalle 5 del mattino alle 22. Ci si può spostare in due con i figli i minori di 14 anni.

Posso raggiungere la seconda casa?

Il decreto vieta ogni spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse regioni o province autonome, a meno che gli spostamenti siano motivati da comprovate esigenze lavorative, da situazioni di necessità o da motivi di salute. Il decreto precisa che è comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione. In base alle faq del governo lo spostamento è consentito nelle seconde case in zona biancaarancione o rossa. Si può spostare solo il nucleo familiare convivente, senza l’aggiunta di parenti o amici. Inoltre la seconda casa non deve essere abitata da altre persone. La regola non vale per le case in affitto breve.

Sono consentite le visite a parenti o amici?

Nelle regioni in fascia rossa le visite non sono consentite. A Pasqua, da sabato 3 aprile a lunedì 5 aprile, quando l’Italia sarà tutta in rosso, sarà permesso dalle 5 del mattino alle 22 della sera raggiungere nell’ambito della propria regione, una sola abitazione di parenti o amici, una sola volta al giorno, massimo in due e accompagnati dai minori di 14 anni. Resta in vigore, anche in zona rossa, la possibilità di raggiungere, da soli, persone non autosufficienti che necessitino di aiuto o assistenza, che non abbiano altre persone che possano occuparsene. Nelle zone arancioni, invece, dal 15 marzo al 2 aprile, e nella giornata del 6 aprile, sono consentite all’interno del proprio comune. Lo spostamento è permesso a due persone, solo una volta al giorno, verso una sola abitazione privata, fra le 5 e le 22. È possibile essere accompagnati dai minori di 14 anni su cui si esercita la potestà genitoriale e dalle persone disabili o non autosufficienti conviventi.

Sono previsti congedi per i genitori che hanno figli in didattica a distanza?

Il decreto prevede che nei casi di sospensione delle attività scolastiche o di infezione o quarantena dei figli, per i genitori lavoratori dipendenti ci sia la possibilità di usufruire di congedi parzialmente retribuiti e, per i lavoratori autonomi, le forze del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico, le forze dell'ordine e gli operatori sanitari la possibilità di optare per un contributo per il pagamento di servizi di baby sitting, fino al 30 giugno 2021.

ALLEGATO 23

ALLEGATO 24

BOZZA DECRETO LEGGE DRAGHI- PASQUA

LE PRINCIPALI REGOLE REGIONE VENETO 

torna indietro
TAG CLOUD