Logo Casa Treviso Logo Rete Italia



30/05/2017
VENETO SVILUPPO: UN RICCO FORZIERE, MA A BENEFICIO DI POCHI

Sarebbe bene riflettere sul ruolo delle Banche all’interno della Finanziaria Regionale, dal momento che con il 49% hanno il principale interesse di salvaguardare sé stesse rispetto alle esigenze  della collettività. Non a caso il Vicepresidente è espressione di  uno tra i maggiori Istituti di Credito e visti i molteplici incarichi che ricopre, anche nell’artigianato, rimarchiamo un ampio  conflitto di interessi,  se non legale  di certo sindacale e di opportunità. Difendere contestualmente  gli interessi   delle Banche e delle imprese , soprattutto le piccole, lo riteniamo molto arduo.” Così il Direttore di Artigianato Trevigiano, Salvatore D’Aliberti si inserisce nella polemica sul ruolo di Veneto Sviluppo, aperta dal consigliere regionale del PD, Fracasso.  
“L’intervento  del Consigliere del PD Fracasso riguardo  a  Veneto Sviluppo  è un po’ tardivo, ma meglio tardi che mai. – spiega D’Aliberti- Le potenzialità che potrebbe avere la Finanziaria Regionale sono immense, ma  sono gestite in piccola parte  e soprattutto  a favore delle aziende Industriali, penalizzando le piccole e medie imprese che sono il fulcro del Veneto.  Tra scelte non effettuate e burocrazia, le piccole imprese hanno sempre più difficoltà ad utilizzare questo strumento. Rimane un forziere della Regione dove si accantonano  risorse che vengono  distribuite poco e male.
Le richieste di intervenire a sostegno delle Banche Venete  anziché  essere più flessibili con le piccole imprese sono da contrastare: già la scelta di operare esclusivamente  per le controgaranzie con solo i confidi Vigilati, che sono i più grossi e con maggiori sofferenze, a discapito delle decine e decine di Confidi  non vigilati presenti nel nostro territorio, è stato un errore strategico. Si è negato a migliaia di artigiani e piccoli imprenditori che si rivolgono ai Confidi provinciali di poter usufruire delle risorse che la Regione, tramite Veneto Sviluppo, dovrebbe mettere a disposizione di tutte le Imprese del Veneto e non solo quelle aderenti ai confidi Vigilati. Difendere contestualmente  gli interessi  delle Banche e delle imprese, soprattutto quelle piccole, lo riteniamo decisamente molto arduo.”
torna indietro
TAG CLOUD